news - attivazionigratuite.it

Monopoli di Stato comunicano ai concessionari il ritardo relativo al nuovo bando

Monopoli di Stato comunicano ai concessionari il ritardo relativo al nuovo bando

 

Già ne precedente articolo:

Bando Scommesse: si allungano i tempi per le nuove concessioni, bisognerà aspettare la primavera del 2017.

avevamo sottolineato come i tempi per le nuove concessioni sarebbero andati oltre i limiti stabiliti; oggi abbiamo avuto la conferma tramite un documento ufficiale direttamente dai Monopoli di Stato. Infatti, è stata pubblicata sul sito dei Monopoli di Stato la comunicazione a tutti i concessionari e titolari di rete avente per oggetto la prosecuzione dell’attività di raccolta dei giochi pubblici e proroga efficacia garanzie prestate a copertura delle obbligazioni assunte a favore dell’Agenzia.

Al riguardo, l’Adm sottolinea che “per cause non dipendenti dall’Agenzia, non è stato ancora pubblicato il bando di gara di cui alla citata legge, con la conseguente impossibilità materiale della presentazione della domanda di partecipazione, condizione legislativamente fissata per la prosecuzione dell’attività. Ciò nonostante, al fine di garantire la continuità del servizio pubblico di raccolta dei giochi pubblici in ragione dei superiori interessi di ordine pubblico, erariali e di tutela occupazionale, si ritiene di consentire la prosecuzione dell’attività fino alla pubblicazione del bando di gara a tutti coloro che, entro il 30 giugno 2016, si impegnino formalmente alla partecipazione alla prossima gara, tramite allegato riportato sopra riportato.

Tale impegno dovrà essere corroborato dalla presentazione di apposita garanzia (o da proroga di quelle attualmente vigenti sino al 30 giugno 2016) per tutte le obbligazioni sorte in costanza di rapporto, ancorché emerse successivamente alla scadenza della concessione, per l’intera durata della concessione stessa (da intendersi sino al 30 giugno 2017) e per il periodo di gestione obbligatoria, nonché per un ulteriore anno successivo a tale scadenza (cioè 30 giugno 2018)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su
Chiama ora!