fbpx
agenzia dogane monopoli

Circolare ADM: “Attività di gioco nei negozi generalisti possono continuare ad operare”

Per la raccolta del gioco pubblico presso i pubblici esercizi generalisti non sono previste disposizioni specifiche e quindi seguono le norme previste dal DPCM o da quelle più restrittive, se esistenti, delle singole Regioni. E’ quanto specifica Adm in una circolare, sottolineando quindi la raccolta del gioco pubblico, al di fuori delle sale, è consentito.

Ecco la CIRCOLARE INTEGRALE

raccolta del gioco pubblico
raccolta del gioco pubblico
punto scommesse pvr internet point

Come aprire un Punto Scommesse (PVR)

Il Punto Vendita Ricarica Scommesse (o anche PVR) è un’accordo commerciale tra i Concessionari del Gioco a Distanza ed Attività Commerciali di vario genere (bar, tabaccherie, internet point, sala giochi, edicole, ecc) che, tramite la stipula di un contratto di promozione, hanno la possibilità di aprire dei conti gioco ai propri clienti sulle piattaforme di gioco online messe a disposizione dai Concessionari e autorizzate dai Monopoli di Stato. L’attività commerciale che offre questo servizio ha dei vantaggi economici riconosciuti dal bookmaker con cui collabora, in base ai profitti che la sua rete di clienti registrati genera, sia sulle Scommesse Sportive, che su altri Giochi Online, tipo: Casinò, Poker, Virtual, Ippica, Bingo, ecc.

Non sono previsti vincoli circa la metratura del locale da dedicare al servizio PVR Scommesse e non è previsto nessun canone periodico di concessione nè costi di attivazione.

Il Gestore del PVR Scommesse avrà la possibilità di far giocare i propri clienti con 3 diverse soluzioni:

  • dall’interno del locale in “giocata assistita”: il gestore, sviluppando la giocata direttamente sul conto madre del punto, potrà procedere all’emissione del ticket sui conti giochi dei clienti registrati, solo dopo che questi ultimi avranno dato conferma tramite un PIN segreto;
  • all’interno del locale utlizzando un “codice di prenotazione”: i clienti, tramite le postazioni PC presenti nel locale, sviluppano autonomamente la scommessa, emettendo un codice che consegneranno al gestore;
  • direttamente da Casa o da Smartphone: il cliente richiede al gestore una semplice ricarica sul suo conto gioco, che potrà utilizzare come e quando preferisce, su diversi dispositivi a sua scelta.

In ognuno dei tre casi, la movimentazione generata dai clienti costituirà un profitto per il gestore del punto.

Aprire un Punto Scommesse, ma dove?

Se il nostro servizio viene aggiunto all’interno di un’attività già avviata o il cliente già dispone di un proprio immobile, il problema non si pone. Quando invece si ha l’idea di aprire un’attività da zero, è importante riflettere bene sul luogo in cui posizionarsi. Prima di tutto è necessario identificare una zona comoda, sia sotto un aspetto di distanze, che di traffico.

La zona dovrà essere residenziale, con alta densità di popolazione, con un ottimo passaggio pedonale, con possibilità di parcheggio, ma è sopratutto importante accertarsi che nelle immediate vicinanze non vi siano altri Centri Scommesse già aperti,  in modo da garantirsi una base di clienti che avrà un reale vantaggio in termini di comodità a frequentare il nuovo locale.

Identificata la zona più opportuna, bisogna verificare quale dei locali disponibili sia più idoneo all’attività di scommesse.

Le caratteristiche da tenere in consideazione sono diverse:

  • Una metratura consigliata è di almeno 60 mq se si apre esclusivamente come sala pvr scommesse; se invece oltre alle scommesse, si vogliono aggiungere altri giochi o servizi, tipo: carambole, calcio balilla, sala slot, bar, ecc consigliamo una metratura non inferiore a 100 mq;
  • Il locale non deve essere suddiviso in più ambienti o in più piani, è preferibile un unico spazio;
  • Verificare se il locale abbia tutti i requisiti di legge necessari (agibilità, bagni e impianti elettrici a norma, ecc);
  • Il costo di locazione sia conveniente.

Trovato il locale, che Vantaggi offre AttivazioniGratuite.it?

AttivazioniGratuite.it, broker di rinomati concessionari legali e leader da oltre 10 anni nella consulenza del gioco legale, promuove un’offerta commerciale che permette di intraprendere una nuova avventura nel business del betting con altissime probabilità di Successo; questo perchè la consulenza che viene offerta copre a 360 gradi tutti gli aspetti strategici nell’apertura di ogni punto scommesse, garantendo ottimi margini di guadagno, un prodotto scommesse altamente concorrenziale e vantaggiosi incentivi. In particolar modo per le attività commerciali con iscrizione alla camera di commercio come “Internet Point“, offriamo un’imbattibile chance, infatti il punto oltre al rimborso delle grafiche interne/esterne del locale (offerta garantita a tutti i nuovi affiliati), avrà la possibilità di stipulare un contratto di comodato d’uso gratuito della strumentazione necessaria a svolgere tale attività.

Ma andiamo per Step, l’affiliazione ai nostri servizi scommesse segue un percorso graduale, preciso e curato nei minimi dettagli:

  1. Informazioni dettagliate sui Costi/Benefici del Mercato delle Scommesse;
  2. Consulenza mirata in base al cliente in esame e valutazione della fattibilità;
  3. Istruttoria del contratto di affiliazione scommesse e richieste di tutte le certificazioni necessarie;
  4. Affiancamento nella realizzazione della Sala (Mobilio, Grafica, Strumentazione, ecc);
  5. Verifica funzionamento e conformità della strumentazione e Corso di Formazione Gratuito;
  6. Inaugurazione del locale e Assistenza dedicata Post-Apertura.

Quanto costa realizzare una Sala PVR Scommesse?

Il costo varia, in base alla metratura del locale, alla tipologia di arredamento scelto e alla disponibilità economiche del cliente.

I nostri clienti hanno la possibilità di scegliere tra due Tipologie di Allestimento:

  • Realizzazione Professionale con Moduli di ottima fattura, di cui seguono due preventivi differenti:
  • Realizzazione privata del gestore del Punto con strutture in Cartongesso (a costi ridotti).

Entrambi gli allestimenti rendono gli ambienti di gioco confortevoli, trattandosi di design semplici e concreti per ottimizzare gli spazi di lavoro, adattabili a locali di varia forma e dimensione.

media partner attivazionigratuite.it

Italy Week: AttivazioniGratuite.it tra i Media Partner ufficiali

Italy Week, il primo evento online dedicato al mercato italiano del gaming, vedrà la partecipazione di AttivazioniGratuite.it tra i suoi media partner ufficiali.

Continua, all’insegna dell’innovazione e della competitività, l’interessante percorso di crescita del brand AttivazioniGratuite.it tra i mercati del gioco nazionale. Nei giorni scorsi infatti è stata ufficializzata una nuova e ambiziosa media partnership con Italy Week, l’esclusivo evento online dedicato al settore del gioco in Italia, atto primo del progetto Global Gaming Digital Expo, organizzato dal gruppo The Betting Coach.
E’ ormai noto sul web e tra gli esperti del settore che AttivazioniGratuite.it, da diversi anni, ha assunto un ruolo fondamentale nel mondo del gioco, imponendosi come protagonista del betting, grazie ad una consulenza professionale e a un prodotto altamente competitivo che ha rappresentato il successo aziendale di numerosi esercenti e commercianti.
Sono tantissimi infatti gli imprenditori che nel tempo si sono affidati all’assistenza sempre puntuale e altamente qualificata del gruppo fondato da Andrea Ventre, per allestire veri e propri punti scommesse ex novo o per incrementare il proprio guadagno con dei servizi aggiuntivi.
Ricordiamo che il sito web offre consulenza specializzata e gratuita a chiunque abbia voglia di avviare la propria attività commerciale orientata al gaming, aiutando i nuovi imprenditori ad investire con criterio e puntando su brand di scommesse importanti e affidabili.
apri un punto scommesse - attivazionigratuite.it
In occasione del nuovo traguardo, Andrea Ventre (Fondatore AttivazioniGratuite.it) ha dichiarato: “La presentazione del progetto Global Gaming Digital Expo ha fin da subito suscitato il mio interesse; sempre più oggi si avverte il bisogno di introdurre innovazioni all’interno di un settore tecnologico come quello delle scommesse sportive; sono sicuro che, grazie alla professionalità dei suoi promotori e al valido contributo dei partner, in breve tempo diventerà un punto di riferimento del settore del gaming in Italia e non solo. L’idea di costruire una fiera virtuale dove le aziende del gioco possano incontrarsi, confrontarsi e presentare i propri servizi a clienti e imprenditori interessati ad investire in questo settore, è decisamente vincente. Un’iniziativa al passo con i tempi, sia per il suo aspetto innovativo, che di necessità, visto che a causa del Covid-19 è opportuno mantenere le distanze sociali ed evitare luoghi affollati.” – continua Ventre – “Noi di AttivazioniGratuite.it ci presenteremo all’evento online con un sito internet completamente rinnovato nella veste grafica e con interessanti soluzioni nell’allestimento di Punti Scommesse (PVR); la forza del nostro brand è da sempre la consulenza, gratuita e a 360 gradi, abbinata ad un’offerta commerciale tra le più convenienti: un prodotto scommesse legale di assoluto valore e ottimi margini di guadagno. Inoltre, in anteprima posso svelare una novità ideata in occasione dell’inizio della nuova stagione calcistica: nuovi incentivi per dare la possibilità ai clienti alle prime armi di creare un business vantaggioso e proficuo a costi ancora più bassi.”
serie a calcio

Dieci giorni all’inizio del Campionato di Serie A 2020/21

Calendario Serie A 2020-2021: date, tutte le partite, ultime notizie

Quando inizia la Serie A 2020-2021? La Serie A 2020/21 partirà ufficialmente il 19 settembre 2020. È questa la data scelta dalla Lega Serie A al termine del Consiglio di Lega riunitosi il 3 agosto. Slitta quindi di una settimana l’inizio del prossimo campionato rispetto alla prima data ipotizzata del 12 settembre. L’ultima giornata sarà il 23 maggio. L’ultima giornata sarà il 23 maggio.

SQUADRE SERIE A 2020/2021

  • ATALANTA

  • BENEVENTO

  • BOLOGNA

  • CAGLIARI

  • CROTONE

  • FIORENTINA

  • GENOA

  • INTER

  • JUVENTUS

  • LAZIO

  • MILAN

  • NAPOLI

  • PARMA

  • ROMA

  • SAMPDORIA

  • SASSUOLO

  • SPEZIA

  • TORINO

  • UDINESE

  • VERONA

 

Il calendario della Serie A 2020-2021

La Juventus di Andrea Pirlo apre la stagione di Serie A contro la Sampdoria ma sarà un avvio difficile per i campioni d’Italia che poi sfideranno subito Roma e Napoli. Alla settima il confronto con la Lazio, mentre il derby contro il Torino sarà alla decima. Finale complicato contro Milan alla sedicesima e Inter alla penultima prima di chiudere contro il Bologna.

Sono sei i turni infrasettimanali previsti, mentre le soste saranno tre e in concomitanza con gli impegni delle Nazionali: domenica 11 ottobre, domenica 15 novembre, domenica 28 marzo 2021. Per quanto riguarda i turni infrasettimanali, le date sono le seguenti: mercoledì 16 dicembre, mercoledì 23 dicembre, mercoledì 6 gennaio 2021, mercoledì 3 marzo (anzichè il 3 febbraio quando si giocherà la semifinale di andata di Coppa Italia mentre la seconda il 10 febbraio), mercoledì 21 aprile e mercoledì 12 maggio.

Un record assoluto che verrà stabilito in questo campionato di Serie A sarà quello del maggior numero di titoli complessivi vinti dalle squadre partecipanti: ben 107

Il campionato di Serie A 2020-21 può contare, nuovamente, sul massimo numero di squadre che abbiano vinto almeno uno scudetto, cioé 13. Non solo.
In questo torneo sarà stabilito anche il nuovo record della somma del maggior numero di titoli italiani vinti dalle squadre presenti nel massimo campionato italiani.
Nel campionato di Serie A 2020-21, come già specificato, sono presenti 13 squadre che possono vantare almeno un titolo italiano (come già accaduto nel 2013-14, 2017-18 e nel 2019-20), ossia Bologna, Cagliari, Fiorentina, Genoa, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Roma, Sampdoria e Torino.

La presenza dello Spezia impreziosirà ancor più la rosa delle partecipanti visto che i liguri (grazie soprattutto al reclutamento dei giocatori da parte del comandante dei “Vigili del Fuoco di La Spezia”) si aggiudicarono il tricolore del 1944, conquistato al termine di un torneo disputato durante il periodo bellico, titolo ufficialmente valido per la “Coppa Federale del campionato di guerra”, ma riconosciuto come onorifico nel 2002 dalla FIGC.
Per eccesso di zelo, ma a dimostrazione del valore storico dei titoli rappresentati, potremmo citare anche la presenza dell’Udinese, che si aggiudicò, nel 1896, il primo titolo nazionale in ambito calcistico, scudetto, però, non riconosciuto visto che non esisteva neanche la federazione calcistica nazionale a quell’epoca.
A questo appello “storico” mancano, in pratica, solo 3 squadre, cioé Pro Vercelli, Casale e Novese.

 

Serie A, il calendario completo: si inizia il 19 settembre

Articolo tratto da:
https://www.Today.it
https://www.Numericalcio.it
come aprire un punto scommesse pvr

5 punti per aprire un PVR Scommesse di Successo

5 punti per aprire un PVR Scommesse di Successo

Il PVR (Punto Vendita Ricarica) Scommesse è un servizio di promozione che svolge un’attività commerciale per conto di un concessionario di gioco a distanza. In particolare il servizio si basa sull’apertura e ricarica dei conti gioco del sito di scommesse presso la propria attività commerciale. L’affiliazione PVR, essendo contrattualizzabile esclusivamente con un Concessionario di Gioco a Distanza dei Monopoli di Stato, esclude qualsiasi possibilità di affiliazione a piattaforme non legali e non riconosciute dallo stato.

Inoltre, a differenza di un rapporto commerciale puramente online, come per esempio i siti quali Bwin, Bet365, Pokerstar, Starcasino, (etc), con il PVR c’è la possibilità di promuovere il sito di gioco all’interno della propria attività commerciale, con il vantaggio di disporre di tanti strumenti di gestione professionali, un’operatività concreta e sicuramente dei ricavi migliori, più idonei a chi ha un rapporto diretto con la propria clientela.

Vediamo quali sono i 5 requisiti che permettono di valutare un servizio PVR scommesse nel suo complesso.

Ci sono tante domande e dubbi che un esercente o imprenditore si pone prima di aggiungere le scommesse all’interno del proprio locale, domande tipo:

  • Ma cosa è veramente importante quando si attiva il servizio PVR Scommesse?
  • Quali caratteristiche deve avere un sito di scommesse per piacere ai miei clienti?
  • Come valutare un’offerta commerciale?
  • A cosa è necessario dare la priorità?

Per semplificare tutte queste domande e avere gli strumenti per fare la scelta più corretta, abbiamo elencato 5 punti per aprire un PVR Scommesse di Successo:

  • Le Quote delle Scommesse Sportive:

Tantissimi giocatori, soprattutto quelli più assidui e che scommettono con maggiore interesse, spesso si informano e sono molti attenti sulle quote dei siti di scommesse, soprattutto quando hanno intenzione di giocare importi rilevanti. Per questo è fondamentale, ed è per questo che è stato inserito come primo punto nella nostra lista, affiliarsi ad un sito PVR scommesse che ci permetta di lavorare sapendo di offrire un prodotto concorrenziale a livello di quote e percentuali di bonus, quindi che garantisca sempre delle vincite più alte rispetto alla concorrenza, soprattutto quando si apre da zero e si devono attirare nuovi clienti nella propria attività in zone dove sono presenti più PVR o addirittura Agenzie Scommesse. Quindi per avere la certezza di scegliere un prodotto concorrenziale, conviene fare una semplice prova, cioè simulare una stessa giocata con almeno 10/15 squadre, con lo stesso importo, su diversi siti di scommesse entro pochi minuti di differenza: questa simulazione ci darà una visione chiara sul valore della piattaforma a cui doversi affiliare;

  • Bonus di Registrazione:

Un altro aspetto a cui tengono particolarmente i giocatori di scommesse sono i Bonus di registrazione, ovvero degli incentivi che i bookmaker offrono ai clienti che aprono un conto gioco sul sito di scommesse. In questo caso ci sarà una sezione sul sito dedicata alle “Promozioni” o “Bonus”, con tutte le informazioni e le condizioni per richiedere tali incentivi;

  • Guadagni (Schede Provvigionali) ed eventuali Costi o Canoni:

Per chi ha un’attività commerciale, e quindi ha già diversi introiti presso il proprio locale, ma anche per chi deve investire per aprire un nuovo locale dedicato alle scommesse, inserire un nuovo servizio e quindi dedicare tempo e lavoro ad una attività aggiuntiva deve essere conveniente. E’ importante, quindi, valutare che il guadagno potenziale di una attività non causi un aumento dei costi fissi;  la soluzione più sicura per lavorare ( quella che offre anche AttivazioniGratuite.it) è il famoso Turnover Settimanale + Utile mensile Scommesse, con il quale il PVR affiliato percepirà un fisso percentuale esclusivamente sul totale giocato settimanale ogni settimana, e in più a fine mese gli verrà accreditata una provvigione ulteriore in base agli utili (perdite dei clienti) che ha generato al bookmaker.
Perché consigliamo questa soluzione?
Questa soluzione permette al Punto Scommesse di avere anche in caso di alte vincite una quota di guadagno sul giocato garantita e avere cosi la certezza di maturare un guadagno sul volume di giocato generato dalla propria rete di clienti. Naturalmente, ed è ovvio, è sempre meglio a fine mese che l’utile (cioè GIOCATO – VINTO – TASSE)  sia sempre positivo, in modo da percepire sia il Turnover a base settimanale che l’Utile Mensile, guadagnando cosi praticamente il doppio;

  • Evitare intermediari ed Affiliarsi direttamente ad un Concessionario dei Monopoli di Stato:

Molto spesso capita di essere contattati o addirittura collaborare con siti di scommesse senza sapere che gli stessi non sono dei Concessionari dei monopoli diretti, ma a loro volta collaborano in modo subordinato attraverso un contratto di Sub-mandato con un Concessionario dei Monopoli di Stato. Questo vuol dire che la società mandataria (un concessionario dei monopoli di stato) è la vera responsabile del pagamento delle vincite e delle garanzie presso ADM, e il sito con cui ci affiliamo è a sua volta solo un promotore, un intermediario, per conto della società madre. In questo caso il sito sub-mandatario dovrà riconoscere, in base all’accordo commerciale stabilito, un utile o una percentuale sui volumi di giocato movimentato dall’intera rete, dovrà riconoscere dei costi di concessione e costi di assistenza, e mantenere naturalmente per se dei margine di guadagno. E’ ovvio, pertanto, che quando ci si affilia ad una sito di scommesse non titolare diretto della concessione, è presente un passaggio in più nella filiera, e questo incide sul prodotto finale del Punto Scommesse sotto vari aspetti, per esempio: schede provvigionali meno convenienti per l’attività commerciale, quote scommesse meno competitive, meno elasticità nell’accettazione delle giocate in base al rischio, assistenza nella maggiori parte dei casi più macchinosa e lenta.
Come fare per capire se il sito è di un concessionario diretto?
Semplice, basta leggere le note in basso alla home page; infatti ogni sito di scommesse ha l’obbligo di specificare queste informazione nella pagina principale, dove sarà specificato se il sito è concessionario e proprietario della piattaforma o solo se promuove per conto di altri il servizio.

  • Incentivi per l’attivazione del servizio PVR Scommesse (offerta commerciale):

Aldilà degli aspetti prettamente pratici ed operativi che abbiamo elencato, quando si aggiunge un servizio PVR nel proprio locale, è importante poterlo presentare ai propri clienti in un certo modo, dando un senso di professionalità e affidabilità e trovando il miglior accordo commerciale con il partner scommesse scelto. In questo, AttivazioniGratuite.it, ha una proposta commerciale particolarmente vantaggiosa per le attività che devono aprire da zero un locale dedicato alle scommesse, ma anche per attività già operative come: Bar, Tabacchi, Cartoleria, Edicole, Sale Giochi, Internet Point e Circoli, in cui prevediamo tanti aiuti concreti e di assoluto vantaggio per i nostri affiliati, ecco solo alcuni esempi:

  • Sopralluogo e Consulenza di un Agente di zona,
  • Corso di fomazione gratuito sul posto,
  • Rimborso delle Grafiche Interne ed Esterne del locale,
  • Strumentazione in Comodato d’uso Gratuito,
  • Fido settimanale,
  • Possibilità di abbinare una piattaforma dedicata ai Servizi completa e concorrenziale.

sala slot

Calabria, presentata proposta di legge per portare a 48 i mesi per l’adeguamento al distanziometro

Calabria, presentata proposta di legge per portare a 48 i mesi per l’adeguamento al distanziometro

calabria scommesse

Presentata in Calabria una proposta di legge, firmata dal presidente del Consiglio regionale Mimmo Tallini, di “manutenzione normativa” di alcune leggi regionali.

Il Presidente del Consiglio regionale della Calabria, Mimmo Tallini, ha presentato una Proposta di Legge che punta a modificare, tra le altre cose, la normativa sul distanziometro ponendo il termine per adeguarsi a tale misura a 48 mesi, anziché 24.

Il provvedimento andrebbe ad intervenire sulla legge “Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della ‘ndrangheta e per la promozione della legalità, dell’economia responsabile e della trasparenza”, in particolare per quanto attiene l’articolo 16, quello che predispone gli “Interventi per la prevenzione dell’usura connessa al gioco d’azzardo patologico”.

Ricordiamo che per il “distanziometrico è prevista una distanza minima di 300 metri (elevata a 500 metri per i comuni con più di 5.000 abitanti) degli esercizi commerciali rispetto ad una serie di “luoghi sensibili”: scuole, centri di formazione, luoghi di culto, ospedali, impianti sportivi, luoghi di aggregazione giovanile, istituti di credito e sportelli bancomat, compro oro e stazioni ferroviarie.

Escluse da queste limitazioni le tabaccherie, a condizione che gli apparecchi di gioco siano collocati “nell’area di vendita in posizione sottoposta al controllo visivo del titolare” e non siano posti “in aree separate dall’area di vendita”. È data la possibilità ai Comuni di individuare ulteriori “luoghi sensibili”. I titolari delle sale da gioco, delle tabaccherie e delle sale scommesse esistenti alla data di entrata in vigore della legge si devono adeguare a quanto previsto entro i 12 mesi successivi (diventati poi 24 con le modifiche della legge n.51 del 2018). AGIMEG

sala scommesse

Fase “2”: incontro Governo e parti sociali. Ipotesi di riapertura bar il 18 maggio. A maggio possibile ok anche alle sale scommesse.

Fase “2”: incontro Governo e parti sociali. Ipotesi di riapertura Bar il 18 maggio. A maggio possibile ok anche alle Sale Scommesse.

Sono diverse le attività commerciali e produttive che potranno riaprire martedì 14 aprile, secondo quanto previsto dal nuovo DPCM presentato dal Governo. Ma sono anche circolate ipotesi per quanto riguarda le riapertura legate alle “Fase 2” e “Fase 3” dall’incontro tra il Governo e le parti sociali.

Da martedì prossimo via libera, tra le varie attività, a cartolerie e librerie. Come anticipato da Agimeg, i PVR (Punti Vendita Ricariche) che si trovano all’interno delle attività che verranno riaperte potranno riprendere la propria operatività di ricarica dei conti di gioco. Dal 4 maggio, data ipotizzata per l’avvio della “Fase 2”, si parla della possibilità della libera circolazione delle persone ma con mascherine e distanza di sicurezza. Stessa data anche per la ripartenza per i negozi di abbigliamento con il contingentamento degli ingressi e possibilità di prenotazione online per l’entrata in negozio. L’apertura non riguarderà i centri commerciali. Il 18 maggio ok per Bar e Ristoranti con le stesse regole di sicurezza sanitaria da rispettare. Bisognerà capire se in quella data sarà anche dato il permesso di riaccendere le slot negli esercizi dove sono installate, ma su questo punto ci sono diversi dubbi.

Il 31 maggio ripartenza del campionato di calcio e degli altri sport collettivi. Dall’8 giugno riaperti i centri sportivi ma solo per sport individuali o lezioni con basso assembramento. Per le sale scommesse la date della possibile riapertura sono ancora incerte. Potrebbero far parte della prima tranche della Fase 2, con ingressi contingentati e divieto di permanenza nelle sale. Ma c’è anche l’ipotesi che la loro riapertura coincida con l’avvio del campionato di calcio, quindi a fine maggio. Secondo quanto appreso da Agimeg, anche le sale Bingo potrebbero essere riattivate ma con uno schema di entrate e permanenza delle persone che garantirebbe tutti gli standard di sicurezza sanitaria. Difficile capire invece la tempistica per la riapertura delle sale slot/vlt. lp/AGIMEG

rulli slot

Campania, entra in vigore La Legge Regionale

Campania, entra in vigore La Legge Regionale

 

gioco legale campania

Si comunica che in data  4 Marzo 2020 è entrata in vigore la Legge Regionale della Campania nr. 2/2020 recante “Disposizioni per la prevenzione e la cura del disturbo da gioco d’azzardo e per la tutela sanitaria, sociale ed economica delle persone affette e dei loro familiari”

La legge indica le competenze della Regione che disciplina e monitora le attività per il gioco attraverso la regolamentazione degli orari di esercizio e delle distanze da luoghi sensibili.

 

Distanziometro a 250 metri.  Vietata la nuova apertura di attività di gioco (sale, corner, esercizi pubblici che installano apparecchi) ad una distanza dai luoghi sensibili inferiore a 250 metri misurata dall’ingresso principale degli edifici;  per le attività già esistenti, le disposizioni regolanti le distanze non sono applicabili, a condizione che detti esercizi siano  dotati o che si dotino entro 240 giorni dall’entrata in vigore della legge, di una serie di requisiti e presidi finalizzati a prevenire e contrastare il fenomeno del disturbo da gioco d’azzardo, come ad esempio l’accesso selettivo all’offerta di gioco, la videosorveglianza, la partecipazione dei titolari delle attività ai corsi di formazione previsti dalla legge).

Le distanze minime dai luoghi sensibili si applicano, dopo 12 mesi dall’entrata in vigore della legge, alle attività esistenti anche nel caso in cui l’ingresso delle stesse sia situato a meno di 250 metri dal luogo sensibile se entrambi i luoghi sono situati sulla facciata dello stesso edificio.

Su ogni apparecchio deve essere indicata la data di collegamento della rete telematica.

 

I luoghi sensibili. Vengono considerati luoghi sensibili gli istituti scolastici (comprese scuole dell’infanzia e nidi), le strutture sanitarie e ospedaliere, le strutture residenziali operanti in ambito sanitario, scolastico o socio-assistenziale, i luoghi di culto.

 

Gli orari. Per quanto riguarda gli orari di esercizio delle slot, i Comuni dovranno introdurre una differente disciplina per gli esercizi pubblici e le sale. Gli esercizi pubblici come bar, tabacchi, ecc. dovranno osservare una sospensione di complessive 12 ore giornaliere, di cui 10 consecutive nella fascia notturna e di ingresso scolastico (23-9), e le restanti 2 nella fascia diurna di uscita dalle scuole, dalle 12,30 alle 14,30. Per le sale invece è prevista una sospensione di 8 ore giornaliere complessive e consecutive, dalle 2 alle 10. Tali orari non si applicano agli apparecchi senza vincita in denaro. Nel caso in cui i Comuni non adottino misure di adeguamento alle suddette fasce orarie entro 90 gg dall’entrata in vigore le medesime si intenderanno obbligatorie.

 

Nuove aperture. Il testo specifica che “non costituisce nuova apertura il semplice trasferimento di titolarità delle attività, così come non costituiscono nuova installazione la sostituzione degli apparecchi per guasto o vetustà in corso di validità del contratto.

Il trasferimento di sede è invece sottoposto alla disciplina delle distanze.

La normativa sulle distanze non si applica agli esercizi che esercitino attività di distribuzione e vendita di generi di monopolio a patto che sia garantito il controllo visivo degli apparecchi o la presenza di personale adeguatamente formato e comunque purchè gli apparecchi non siano installati in aree materialmente o visivamente separate.

 

Corsi di formazione la Giunta Regionale emetterà una Delibera relativa all’obbligo formativo.

 

Sanzioni:

  • Da 1.000 a 5.000 Euro per ogni apparecchio da gioco e blocco telematico del medesimo nel caso di installazione degli apparecchi in assenza di soluzioni tecniche volte ad evitare l’accesso dei minori al gioco e ad avvertire il giocatore dei rischi di dipendenza dal Dga.
  • Da 200 a 1.200 Euro per omessa esposizione materiale informativo sul Dga (fatte salve le sanzioni previste dalla normativa nazionale che restano sempre valide).
  • Da 5.000 a 15.000 Euro con sequestro dell’apparecchio per la nuova apertura di negozi scommesse, sale dedicate, corner o sale bingo in violazione delle distanze (l’obbligo di rispetto delle distanze per questa tipologia di esercizi è previsto dall’entrata in vigore della legge, 4 Marzo 2020).
  • Da Euro 250 ad 1500 per uso abusivo del logo regionale “No gambling Campania” i cui contenuti grafici dovranno comunque essere prima predisposti dalla Giunta Regionale.
  • Da Euro 1.000 a 3.000 per inadempienza all’obbligo formativo (dovrà prima essere approvata delibera attuativa da parte della Giunta Regionale).

Per quanto concerne l’installazione di singoli apparecchi di cui all’art.110 comma 6  del Tulps in esercizi generalisti (Es:Bar) i Comuni dovranno adeguarsi alle disposizioni regionali sulle distanze entro 90 gg dall’entrata in vigore, in mancanza l’obbligo di rispetto della distanza minima prevista sarà efficace anche per questa tipologia di esercizi.

 

In considerazione di quanto riportato nell’art.1 della Legge l’obbligo di rispetto delle distanze minime dai luoghi sensibili deve considerarsi applicabile esclusivamente agli apparecchi con vincita in denaro, ai locali dotati di licenza ex art.86 o 88 Tulps che installino apparecchi con vincita in denaro, ai corner, alle sale scommesse ed alle sale bingo. Associazione Nazionale Sapar

Enada Rimini: la fiera del gaming verrà posticipata a causa del Coronavirus

Enada Rimini: la fiera del gaming verrà posticipata a causa del Coronavirus

Si sarebbe dovuta tenere tra un paio di settimane, invece sembra proprio che verrà posticipata a data da destinarsi a causa dell’emergenza che sta colpendo le regioni del Nord, Emilia Romagna inclusa, per la diffusione del virus Covit19, meglio conosciuto come Coronavirus.

Tra le possibili date valutate, nella speranza che questa emergenza sanitaria venga presto risolta, – questa è la priorità – anche per la tutela di espositori e visitatori – è quella di fine aprile-inizio maggio o addirittura settembre.

PressGiochi

Scommesse e Coronavirus, cosa succede per le partite sospese?

Scommesse e Coronavirus, cosa succede per le partite sospese?

La situazione è la solita: il regolamento sottolinea che in caso di una partita rinviata, se il recupero avviene entro 72 ore, calcolate a partire dalla mezzanotte successiva al giorno dell’evento originariamente previsto, la scommessa è considerata valida. Se invece il recupero avviene in una data successiva, la giocata è considerata a quota 1 (quindi nulla), verrà rimborsata e non sarà presa in considerazione nel computo di scommesse multiple o di sistemi.

Come noto sono state tre le partite della Serie A, una di Serie B e 5 di Serie C per cercare di contenere l’emergenza dei contagi: Inter-Sampdoria, Atalanta-Sassuolo e Verona-Cagliari. In Serie B rinviata Ascoli-Cremonese, mentre in Serie C non sono scese in campo Piacenza-Sanbenedettese, Giana-Como, Lecco Pro Patria, Arzignano Valchiampo-Padova e Feralpi Slò-Carpi.

Che succede se si ferma il campionato per colpa del coronavirus?

Adesso va capito cosa succederà per il campionato di Serie A. Già ieri alcuni addetti ai lavori parlavano, almeno, di giocare a porte chiuse. Una soluzione che penalizzerebbe le società che perderebbero gli incassi allo stadio ma che salverebbe lo spettacolo e garantirebbe la regolarità del campionato.

Non sarebbe facile recuperare tutte le partite e, in questo modo, sarebbero salve sia le scommesse che i diritti tv. Problemi secondari alla salute, ovvio, ma la vita deve andare avanti e, con essa, l’intrattenimento preferito dagli italiani anche. ovviamente il ragionamento deve valere per tutti gli sport.

Assolto un PVR con postazioni internet dalla Corte d’Appello di Lecce

Assolto un PVR con postazioni internet dalla Corte d’Appello di Lecce

Con sentenza depositata il 2 gennaio 2020 la Corte d’Appello salentina ha riformato integralmente la sentenza di primo grado, con cui la titolare di un PVR collegato ad un noto concessionario, era stata condannata per via di una serie di elementi sulla cui base era stata ritenuta la sussistenza del reato di raccolta abusiva di gioco e scommesse, attesa la sussistenza dell’intermediazione da parte della stessa titolare.

Tale reato, a detta del primo giudice, era configurabile per via della presenza di ben 12 postazioni Internet, regolarmente utilizzate dai clienti per giocare, nonché ricevute di prenotazioni di giocate reperite presso il locale e fattura di provvigioni maturate dal centro pagate dal concessionario in base al volume della raccolta.

In appello, la difesa rappresentata dall’avvocato Marco Ripamonti (in foto), ha ricostruito l’intero assetto normativo depositando anche circolari della Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ed affermando la rispondenza a legge dei sistemi provvigionali e l’inidoneità delle ricevute di prenotazione ai fini di rivelare una attività di intermediazione.

Lo stesso difensore, con numerosi precedenti in mano, ha anche sostenuto la piena compatibilità con il divieto di intermediazione della giocata svolta all’interno dell’esercizio tramite le postazioni Internet, alla condizione della inviolabilità dei conti di gioco.

La Corte d’Appello ha accolto le tesi della difesa, condivise anche dalla Procura Generale, ed ha assolto con formula il fatto non sussiste.

Si tratta di una nuova ed importante sentenza che affronta il complesso ed attuale tema del perimetro operativo dei punti di ricarica collegati ai concessionari autorizzati alla raccolta a distanza.

Jamma

 

MEF: pubblicati punti principali Decreto Fiscale. Agenti sotto copertura per controllo sale scommesse, sale giochi e gioco online. Registro Unico operatori, blocco attività finanziare agli operatori senza concessione

MEF: pubblicati punti principali Decreto Fiscale. Agenti sotto copertura per controllo sale scommesse, sale giochi e gioco online. Registro Unico operatori, blocco attività finanziare agli operatori senza concessione.

 

gazzetta ufficiale tassazione 2019 giochiIl Mef ha acceso i riflettori sui punti principali contenuti nel Decreto Fiscale. “Dagli incentivi per la moneta elettronica e la lotteria degli scontrini alla semplificazione fiscale, dalla lotta all’evasione contributiva alle nuove sanzioni per gli evasori, il Decreto Fiscale, rappresenta un insieme unitario di misure che punta a promuovere la creazione di un sistema fiscale più efficiente ed equo, che contemperi le esigenze di recupero delle sacche di inefficienza che frenano lo sviluppo, tenendo in considerazione le disuguaglianze che continuano a persistere nel Paese”, sottolinea il Ministero.

Tra i punti evidenziati dal MEF, i maggiori controlli nel settore dei giochi d’azzardo con gli agenti sotto copertura. “Vengono introdotte alcune norme che regolamentano in maniera più strutturata il settore dei giochi. Tre gli obiettivi principali: combattere le infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore, contrastare la diffusione del gioco illegale, arrivare ad un’offerta più razionale di gioco pubblico sul territorio.

La prima misura è l’istituzione, a decorrere dall’esercizio 2020, del Registro unico degli operatori del gioco pubblico presso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Al fine di rendere maggiormente tracciabili i flussi di pagamento, di contrastare l’evasione fiscale e le infiltrazioni della criminalità organizzata, le società emittenti carte di credito, gli operatori bancari, finanziari e postali non potranno procedere al trasferimento di denaro a favore di soggetti che offrono giochi, scommesse o concorsi pronostici con vincite in denaro, sprovvisti di concessione, autorizzazione, licenza o altro titolo autorizzatorio. Viene, inoltre, introdotta una fattispecie di agente sotto copertura per contrastare le violazioni in materia di gioco pubblico, in particolare, quelle relative al divieto di gioco dei minori. Sarà possibile effettuare operazioni sotto copertura di gioco a distanza o presso locali delle sale giochi”.

Altro punto la lotteria degli scontrini. “La lotteria degli scontrini, in vigore dal 1° luglio 2020, incentiva i consumatori a chiedere lo scontrino agli esercenti, che devono trasmetterlo in via telematica. I contribuenti, per partecipare all’estrazione, devono comunicare all’esercente al momento dell’acquisto uno specifico codice lotteria: i casi di rifiuto da parte degli esercenti potranno essere segnalati nella sezione dedicata del portale Lotteria. Chi pagherà con la moneta elettronica parteciperà all’estrazione di premi dedicati più ingenti e frequenti rispetto a coloro che pagheranno con il contante. Inoltre nel caso di estrazioni cosiddette “cashless”, un premio verrà attribuito anche all’esercente che avrà battuto lo scontrino vincente. Sarà disponibile un sito dedicato in cui i cittadini potranno controllare i biglietti loro assegnati e le estrazioni della lotteria. I premi saranno esenti da imposta”, conclude il Ministero.

Le disposizioni sul gioco prevedono l’ulteriore tassazione delle vincite alle Vlt (dai 200 euro in su si pagherà un’aliquota del 20 percento, a partire dal 15 gennaio 2020), ma anche di quelle alle lotterie, Win for Life, Win for Life Gold e SiVinceTutto (il 20 percento di quelle dai 500 euro in su, a partire dal 1° marzo 2020), oltre che la gara per le concessioni degli apparecchi. A modifica (e abrogazione) delle disposizioni contenute nel Dl fiscale, viene aumentato il Preu di slot (23,85 percento fino a fine 2020, 24 dal 2021 in poi) e Vlt (8,5 percento fino a fine 2020, 8,6 percento dal 2021), ma ridotto il payout minimo per le slot (65 percento) e le Vlt (83 percento). cdn/AGIMEG

Arbore (Gen. GdF): “Due piani operativi per controllare le attività illegali sul gioco e in particolare l’online

Arbore (Gen. GdF): “Due piani operativi per controllare le attività illegali sul gioco e in particolare l’online

 

Molto dettagliato l’intervento, durante il convegno Eurispes “Il Gioco in Italia: tra criticità e opportunità”, del generale della Guardia di Finanza Giuseppe Arbore. “La nostra attenzione è stata dedicata in particolare al segmento dell’online, visto che è un mercato cresciuto del 48% negli ultimi due anni. Ci siamo attrezzati per un maggiore controllo di questo settore; ci tengo a sottolineare che il giocatore è più tutelato se c’è un’offerta legale e quindi il contrasto all’illegale deve essere molto deciso.

La Guardia di Finanza – ha spiegato Arbore – ha organizzato ben due piani operativi dedicati ai giochi, coinvolgendo dei reparti speciali che si sono coordinati con Sogei e ADM per individuare soggetti e zone geografiche più a rischio. Il primo dei due piani operativi è stato sviluppato con le altre Forze dell’Ordine e con il supporto di ADM. Il secondo piano operativo ha visto invece la Guardia di Finanza agire di proprio conto con varie operazioni che ad esempio hanno portato l’anno scorso al sequestro di 400 punti di raccolta di scommessa illegali.

Le attività di indagine – ha sottolineato il generale della GdF- hanno riscontrato tra le violazioni più frequenti, quella della manipolazione delle schede di gioco degli apparecchi da intrattenimento. Si tratta di un controllo da remoto attraverso un sistema molto evoluto e che potrebbe sfuggire a un controllo ordinario e per questo ha richiesto attività di indagine molto sofisticate. Tante anche le violazioni riguardanti piattaforme estere che gestiscono i totem, da segnalare che diverse di queste attività illecite ci riportano a Malta”. Per quanto riguarda il fisico – ha proseguito il generale – stiamo aggredendo principalmente i totem sul territorio, che rappresentano il punto di collegamento tra utente italiano e gli operatori esteri. Tra l’altro, abbiamo avviato una collaborazione con Malta, sede dei principali bookmaker esteri senza licenza in Italia, che avrà un nostro rappresentante in pianta stabile. Il fenomeno riguarda in modo omogeneo tutta l’Italia dal nord al sud, anzi spesso le mafie riescono ad operare meglio nelle regioni dove sono meno controllate”, ha concluso. AGIMEG

foto primo piano di Andrea Ventre di attivazionigratuite.it

Andrea Ventre (AttivazioniGratuite.it): “Pronti per la nuova stagione sportiva 2019/20 con nuovi negozi”

Andrea Ventre (AttivazioniGratuite.it): “Pronti per la nuova stagione sportiva 2019/20 con nuovi negozi”

Agenzia scommesse con allestimento completoLa pausa estiva dei principali campionati di calcio europei è ormai giunta al termine e tra pochi giorni partirà anche il campionato di Serie A con il match inaugurale tra Parma e Juventus, in programma sabato 24 agosto alle ore 18:00. Andrea Ventre, con il suo brand AttivazioniGratuite.it, augurando buon campionato a tutti gli esercenti del betting, rinnova il suo impegno sui territori di Calabria, Puglia e Basilicata al servizio delle nuove aperture.

logo attivazionigratute.it

Con l’inizio del campionato di Serie A è normale parlare anche di scommesse sportive. Il settore mai come quest’anno dovrà fare i conti con le nuove norme e i divieti imposti dall’esecutivo. Stop alle sponsorizzazioni, impossibilità per i titolari di sale da gioco di promuovere la propria attività, limiti distanziometrici e limiti d’orari, ma anche mancanza di una normativa che dia agli operatori legali un canale comunicativo preferenziale per distinguersi dagli operatori illegali. Questo sarà un anno di transizione – ha detto Ventre – nel quale l’intero comparto dovrà reinventarsi per mantenere standard di qualità degni della crescita che negli anni ha conseguito. Sono tuttavia fiducioso per il futuro e colgo l’occasione per augurare buon campionato a tutti gli addetti ai lavori, rinnovando il mio personale impegno con AttivazioniGratuite.it anche per quest’anno. Sono da sempre sostenitore del gioco legale e vicino alle esigenze degli esercenti ed imprenditori del settore. Anche quest’anno collaboreremo al fianco dei più rinomati concessionari del gioco legale, coordinando le aperture dei nuovi punti scommesse. I nostri contatti sono sempre attivi per offrire consulenze gratuite e fornire risposte agli imprenditori del betting di domani. Avviamo la nuova stagione con tante novità e nuovi accordi, per adeguarci al meglio alle esigenze territoriali e personali di ogni singola nuova apertura”, ha concluso. lp/AGIMEG

Incremento delle Scommesse online e calo del Gioco nelle Agenzie

Incremento delle Scommesse online e calo del Gioco nelle Agenzie

Nel 2018, per il terzo anno consecutivo, in Italia è scesa la spesa nel gioco fisico e cresciuta quella nell’online. E’ quanto emerge dal Libro Blu 2018 di ADM: lo scorso anno le giocate via internet hanno infatti pesato per il 29,4% rispetto al totale, attestandosi a 31,4 miliardi di euro, nel 2017 sono state pari al 26,4% (26,9 miliardi) mentre l’anno prima valevano il 22,1% (21,3 miliardi) dell’intero comparto dei giochi. Nel triennio, dunque, il gioco online è cresciuto del 7,3%. In questo trend hanno avuto un peso rilevante le misure legislative a contrasto della rete fisica adottate da molte regioni italiane, come il distanziometro che in alcuni casi ha di fatto espulso il gioco lecito dal territorio, come nel caso del Piemonte. Proprio questa regione ha registrato il crolla più significativo della spesa nei giochi nel 2018, in particolar modo nel settore degli apparecchi da intrattenimento che hanno perso il 21,6%, portando il totale regionale a un calo complessivo del 10,6%. La stretta su slot e sale giochi ha quindi influito in maniera importante sul gioco fisico. Agimeg

 

Ma perchè questo incremento del Gioco online?

Scopriamo cos’è il Punto Vendita Ricarica (PVR)

Il Punto Vendita Ricarica (PVR) è un’attività che recluta giocatori per un sito di scommesse sportive tramite un’attività commerciale aperta al pubblico. Internet point, bar, tabacchi, edicole, sale giochi, sono tutte opportunità di lavoro alle quali e’ possibile affiancare il business delle scommesse. Che tu abbia un’attività già avviata o l’intenzione di aprirne una, la soluzione dell’affiliazione è un reale vantaggio commerciale di possibile aggiunta di utili. Tramite queste attività di Punto Vendita Ricariche (PVR) potrai attivare il tuo conto affiliato e aprire e ricaricare direttamente i tuoi giocatori, dando vita alla tua rete di scommettitori.

Dunque, per attivare un PVR basta avere già un attività commerciale aperta come ad esempio Bar, Edicola, Internet Point, Rivendita di Tabacchi, Sala Pubblica da Gioco, Circoli Privati, Vendita Gadget e Servizi, Centro Elaborazione Dati e/o comunque qualsiasi attività commerciale rivolta al pubblico

Cos'è un PVR e Come affiliarsi

Non ci sono costi da corrispondere alla società, non sono imposti vincoli di alcuna natura.

 

  • Si può arredare il locale come meglio si preferisce o in base alle proprie possibilità.
  • Sono necessari solo un pc di cassa e un paio di pc a disposizione della clientela, collegati ad una stampante termica.
  • Non ci sono canoni, vincoli o penali.
  • Non si possono fare scommesse da banco: questo vuol dire che il gestore non può effettuare la scommessa al cliente da un unico conto madre, ma deve aprire il conto intestato al cliente e poi può effettuargli le giocate alla cassa.

 

 

Perchè il Punto Vendita Ricarica è così conveniente?

Apri il tuo Punto Vendita Ricarica a Costo Zero!

E’ la soluzione ideale per chi non è del settore e vuole prendere dimestichezza con il mondo delle scommesse e per chi vuole lanciarsi in una nuova sfida, senza sostenere un investimento eccessivo. Si tratta di una piattaforma molto semplice nell’utilizzo. Il gestore avrà un conto madre, ovvero un conto di gestione che serve unicamente per controllare vincite e guadagni, registrare nuovi clienti, ricaricare i conti gioco dei clienti e effettuare giocate assistite sui conti giochi dei clienti registrati. Quando un cliente entra nel proprio locale, il gestore gli aprirà il conto giochi; dopo che il cliente avrà effettuato il primo accesso (anche con smartphone) allora il gestore caricherà tramite il conto madre il conto del cliente. Fatto ciò la scommessa potrà essere giocata in tre possibili soluzioni:

  • il gestore tramite il conto madre sviluppa la scommessa voluta dal cliente e prima di confermarla sarà il cliente a inserire user e password identificativi del proprio conto giochi;
  • il cliente si siede alle postazioni pc e sviluppa autonomamente la scommessa emettendo un codice prenotazione che consegnerà al gestore;
  • il cliente esce dall’attività e gioca autonomamente a casa sua.

In ognuno dei tre casi, i soldi movimentati costituiranno l’utile della rete del gestore.

guardia di finanza crotone

Crotone, dilaga l’illegalità: scoperti numerosi apparecchi da gioco irregolari e piattaforme online non autorizzate

Crotone, dilaga l’illegalità: scoperti numerosi apparecchi da gioco irregolari e piattaforme online non autorizzate.

sequestro penale

I Baschi Verdi del Gruppo di Crotone, nell’ambito di mirati servizi finalizzati alla prevenzione e repressione di illeciti nel settore dei giochi e delle scommesse, hanno compiuto numerosi sequestri e denunciato tre responsabili a Crotone ed Isola di Capo Rizzuto.

In particolare, le Fiamme Gialle della componente specialistica anti-terrorismo pronto impiego, agli ordini del capitano Michele Filomena, al termine di una attenta analisi di rischio, condotta attraverso l’uso delle potenti banche dati in uso al corpo della Guardia di Finanza, avendo constatato indici di anomalia nei confronti di quattro esercizi commerciali, esercenti attività di bar, ubicati nella provincia pitagorica, dopo aver compiuto preliminari sopralluoghi, hanno proceduto, durante le festività pasquali, all’esecuzione di accessi mirati.

L’operazione compiuta ha permesso di accertare la presenza, presso i locali controllati, di 13 apparecchi da divertimento ed intrattenimento, privi di qualsiasi titolo autorizzativo, accesi e funzionanti, nonché, la presenza di 8 personal computer e relative stampanti, connessi a piattaforme di gioco online che consentivano l’esecuzione di scommesse su eventi sportivi, privi delle necessarie concessioni ed autorizzazioni.

I finanzieri hanno pertanto proceduto al sequestro di tutti i congegni ed alla denuncia di tre responsabili alla locale Procura della Repubblica di Crotone. Inoltre, i titolari delle quattro attività commerciali sono stati segnalati alle competenti autorità amministrative per l’irrogazione delle prescritte sanzioni pecuniarie, quantificate, complessivamente, in circa 210.000,00 euro.

Tale servizio costituisce un’ulteriore risposta alla diffusa esigenza di legalità nello specifico settore, proveniente sia dalle linee d’azione del Comando Generale del Corpo finalizzate al recupero di una importante risorsa per le casse dello stato, sia dalla necessita’ di tutelare i giocatori. Chi organizza e promuove giochi illegali e abusivi danneggia gli operatori autorizzati che rispettano le regole. Le offerte di gioco non gestite e non garantite dallo stato sono insicure e pericolose. Jamma.tv

attuazione decreto dignità - divieto pubblicità

Divieto di pubblicità sui giochi: vediamo in che caso sarà possibile farla.

Divieto di pubblicità sui giochi: vediamo in che caso sarà possibile farla.

Agcom ha fatto chiarezza sull’applicazione del divieto di pubblicità sui giochi inserito nel Decreto Dignità. Resta vietata qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, di sponsorizzazione, o di comunicazione con contenuto commerciale del gioco con vincita in denaro effettuata dagli influencer. Stop anche a gadget brandizzati.

AGCOM - Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Agcom ha stilato però anche una serie di esclusioni dal divieto di pubblicità, che mirano a rafforzare la tutela del consumatore, il contrasto al gap, la comunicazione commerciale B2B, le fiere per gli operatori, le comunicazioni sociali e l’utilizzo del marchio per identificare il gioco legale. Eccole nel dettaglio:

“1. Stante la ratio della norma – rafforzare la tutela del consumatore e realizzare un più efficace contrasto del disturbo da gioco patologico – esulano dal divieto:

  • le comunicazioni commerciali business to business, ivi incluse quelle diffuse sulla stampa specializzata;
  • l’organizzazione di fiere sul gioco a pagamento destinate ai soli operatori di settore;
  • le comunicazioni di responsabilità sociale di impresa, quali per esempio le campagne informative sui giochi vietati in senso assoluto e su quelli ammessi ma proibiti per i minori, sui fattori di rischio a cui sono esposti i giocatori denominati “problematici”, sui valori legati al gioco legale, di informativa sul gioco legale, sui rischi dell’usura connessi al gioco patologico, l’attivazione di corsi di formazione sulla ludopatia riservati agli operatori di gioco, la predisposizione di cautele nei confronti del giocatore problematico (ad esempio attraverso la creazione di piattaforme online dedicate agli utenti al fine di offrire un aiuto nel caso di gioco compulsivo), senza esposizione del marchio o del logo;
  • le comunicazioni “cause related marketing”, effettuata sotto forma di citazione del concessionario quale finanziatore di un determinato progetto o iniziativa di carattere sociale e benefico, senza esposizione del marchio o del logo;
  • l’utilizzo del marchio che identifichi, oltre ai servizi giochi con vincite in denaro o d’azzardo, ulteriori attività (punti vendita), aventi carattere autonomo, purché non sussistano ambiguità circa l’oggetto della promozione e in questa non compaiano elementi evocativi del gioco fatta eccezione per la mera denominazione del fornitore;
  • la televendita di beni e servizi di gioco a pagamento qualora ricorrano entrambe le seguenti condizioni:

a) l’offerta di gioco a pagamento su mezzo televisivo rappresenti l’oggetto della concessione per l’esercizio dell’attività di offerta del gioco a pagamento rilasciata dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli;

b) la televendita sia finalizzata esclusivamente alla conclusione del contratto di gioco, consti della mera esecuzione del gioco stesso e non contenga alcun riferimento né abbia natura promozionale. La valenza promozionale della televendita è comunque presunta qualora la stessa venga trasmessa all’interno di un palinsesto televisivo generalista o semigeneralista.”

lp/AGIMEG

scelta tra gioco legale e illegale

Cresce il numero di apparecchi irregolari, non collegati alla rete e centri scommesse illegali

Cresce il numero di apparecchi irregolari, non collegati alla rete e centri scommesse illegali.

Ancora sequestri di slot e centri scommesse illegali in tutta Italia. A Torino spuntano fuori anche delle slot con doppia scheda, in regola di giorno e illegali di notte. E sempre a Torino, trovati apparecchi irregolari ed elevate multe per 170mila euro. I divieti fanno aumentare il gioco illegale? Sembrerebbe così.

slot machine

 

Ragusa: scoperto dalla GdF punto clandestino di raccolta scommesse, denunciate due persone

Stretta contro il gioco irregolare nella provincia di Ragusa. Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza ha sottoposto a controllo 12 esercizi commerciali. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato complessivamente 6 apparecchi da gioco e 8 terminali informatici “totem”. Inoltre è stato scoperto un punto clandestino di raccolta scommesse, all’interno del quale sono state trovate postazioni telematiche che consentivano di effettuare scommesse online a distanza su siti internet di operatori esteri non autorizzati. Gli apparecchi non erano collegati alla rete dei Monopoli e privi di concessioni e licenze. Due titolari degli esercizi commerciali sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Ragusa.

 

Controlli GdF a Torino: sequestrati sei apparecchi da gioco irregolari. Per due locali multe per 170 mila euro

Pugno duro contro il gioco irregolare a Torino. Gli uomini della Guardia di Finanza del Gruppo Torino hanno eseguito alcuni controlli sul territorio per prevenire e reprimere violazioni finanziarie ed episodi di microcriminalità. I militari hanno scoperto in una sala giochi tre slot non collegate ai Monopoli di Stato e con software truccato per ridurre le possibilità di vincita dei clienti. Nel corso dell’intervento, sono state anche rilevate irregolarità riguardanti il profilo della normativa antiriciclaggio. Sono state quindi elevate sanzioni per 100mila euro. Stesso numero di slot irregolari è stato scoperto anche in un bar. Ai danni del titolare è stata quindi elevata una sanzione di 70 mila euro.

 

Torino: slot con la scocca truccata, l’ultima frontiera per truffare i Monopoli

Slot machine double face a Torino per truffare i Monopoli. Di giorno apparecchi regolarmente collegati alla rete di ADM, di notte entrava in gioco una seconda scheda che permetteva di giocare in modo irregolare. E’ quanto hanno scoperto i finanzieri di Torino in una sala giochi: tre slot – come riporta La Stampa di Torino – erano in possesso di una scocca predisposta per l’inserimento di una seconda scheda per aggirare la legge, di fatto l’incasso non veniva registrato dai Monopoli in quanto l’apparecchio non era più collegato in rete. Non solo. Il titolare aveva annotato gli incassi di ciascuna macchina: la legge non prevede un registro dedicato a questo tipo di contabilità. Un affare da 10mila euro al mese per ogni apparecchio. A seguito dei controlli della GdF, il titolare della sala rischia una multa fino a 100mila euro, per truffa ai danni dei Monopoli e per aver aggirato la normativa antiriciclaggio

 

Sicilia: sequestrati beni per oltre mezzo milione di euro alla banda degli spaccaossa, anche un bar con sala slot e un centro scommesse

Fratturavano e mutilavano arti in cambio di denaro a persone con criticità economiche; poi intascavano i soldi delle assicurazioni. Con questa strategia, in Sicilia, la banda degli spaccaossa si arricchiva sulla pelle di persone povere o con deficit mentale. E’ quanto emerso nell’operazione Tantalo 2 a Palermo e a Trapani in cui sono state arrestate 42 persone, accusate di lesioni gravi, usura, estorsione, peculato, truffe assicurative e auto-riciclaggio. Sono invece 250 gli indagati per un totale di ben 159 capi d’imputazione. Secondo gli investigatori il giro d’affari della banda superava 1,6 milioni di euro. Inoltre, insieme alle misure cautelari personali, “all’esito di complesse e articolate investigazioni economico-finanziarie, è stata ricostruita la capacità contributiva lecita dei soggetti aventi ruolo apicale in seno alle organizzazioni criminali, che risultava assai modesta rispetto all’effettivo tenore di vita condotta”. “L’ingiustificata sproporzione è stata posta alla base di un ulteriore provvedimento di sequestro emesso d’urgenza dalla Procura della Repubblica di Palermo al quale si è dato corso e con il quale sono state sottoposte a sequestro tre società, tra cui un bar con una sala biliardo e annessa sala slot e centro scommesse, un gommone con motore fuoribordo, due autovetture, una moto di grossa cilindrata, conti correnti bancari, polizze assicurative e liquidità per un valore complessivo di stima di oltre mezzo milione di euro.”

 

Sassari: torneo di Texas Hold’em in un circolo privato, 13 persone indagate per gioco d’azzardo

Il personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Sassari, ha notificato un provvedimento di conclusione di indagini preliminari nei confronti di tredici persone, che a vario titolo si sono rese responsabili di gioco d’azzardo. I fatti risalgono alla scorsa estate: in un circolo privato erano state sorprese le medesime persone, mentre giocavano ad un torneo di Poker “Texas Hold’em”, con versamento di somme ingenti e la possibilità di rientrare in gioco versando nuove quote, modalità considerata comunque illecita e qualificata come gioco d’azzardo. In un’altra sala giochi, invece, il gestore ha proseguito nonostante più provvedimenti di sospensione ed è stato deferito all’autorità giudiziaria per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

 

Caserta: sequestrati dalla GdF 20 apparecchi da gioco e denunciate 8 persone

Pugno duro contro il gioco irregolare nella provincia di Caserta. Sono 8 le persone denunciate alle competenti Procure della Repubblica e ben 20 gli apparecchi da gioco sequestrati al termine di una serie di controlli messi in campo negli ultimi giorni dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Caserta. In particolare, nel retrobottega di un bar di Santa Maria la Fossa, sprovvisto di ogni autorizzazione, sono stati scoperti quattro apparecchi da gioco abusivi e sono stati identificati e denunciati anche 2 clienti. Sono state sequestrate poi 11 slot prive di collegamento alla rete dei Monopoli in una sala giochi di Mondragone. Inoltre, presso una sala giochi di Castel Volturno, i militari hanno rilevato l’installazione di 3 postazioni attraverso le quali venivano effettuate scommesse online su eventi sportivi per conto di bookmaker esteri privi della concessione dei Monopoli. Sanzionati poi altri punti vendita per irregolarità amministrative.

 

Caserta: sequestrati beni per 300mila euro a imprenditori attivi nel settore delle slot affiliati del clan “Belforte”

Il personale della Divisione Anticrimine della Questura di Caserta e della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise hanno dato esecuzione al decreto di sequestro di prevenzione emesso dal Tribunale di S. Maria Capua Vetere nei confronti di imprenditori attivi nel settore delle slot e vicini al clan “Belforte”- fazione Maddaloni. Il provvedimento, in particolare, va a colpire il patrimonio illecitamente accumulato dalla famiglia Marciano. Sono stati interessati: rapporti finanziari, beni mobili, ditte individuali comprensive di beni strumentali e 127 apparecchi da gioco, per un valore complessivo di 300.000 euro.

 

Asti e Torino, controlli GdF: sequestrati 4 apparecchi da gioco manomessi. Sanzioni per 12mila euro per titolari e gestori

Eseguito una mirata attività nella provincia astigiana volta al contrasto del gioco illegale o irregolare, da parte della Tenenza di Nizza Monferrato, con il supporto degli altri Reparti della Guardia di Finanza di Asti e di quello di Lanzo Torinese, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e Monopoli di Torino, Asti-Alessandria e Vercelli. L’operazione di servizio, che ha visto anche l’impegno di una pattuglia specializzata nel settore dei giochi e delle scommesse illegali del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Torino, parte da una verifica fiscale eseguita dai finanzieri nicesi ad un gestore di apparecchi da gioco astigiano. Nel corso dell’operazione controllati circa 70 apparecchi da gioco installati all’interno di una decina di esercizi pubblici, in prevalenza bar e ristoranti, aventi sede in diverse località della provincia di Asti e Torino. Sequestrati 4 apparecchi che risultavano manomessi. Elevate sanzioni nei confronti del gestore degli apparecchi irregolari e dei titolari degli esercizi per un totale di 12.000 euro, oltre al sequestro dei 2.000 euro presenti all’interno degli apparecchi.

 

Chieti Scalo: sequestrato centro scommesse abusivo con computer collegati a un’agenzia straniera non autorizzata

Sequestrato un centro scommesse abusivo di Chieti Scalo, in cui 16 computer risultavano collegati a un’agenzia austriaca non autorizzata in Italia. Il provvedimento è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Chieti su richiesta del sostituto procuratore.

Agimeg

i Carabinieri hanno eseguito il sequestro

Lagonegro (PZ): Centro Scommesse Illegale, denunciati i proprietari

Lagonegro (PZ): Centro Scommesse Illegale, denunciati i proprietari

I Carabinieri della Stazione di Lauria, nei giorni scorsi, nell’ambito di specifici servizi preordinati dal Comando Provinciale di Potenza, finalizzati a verificare la liceità delle attività svolte presso le sale scommesse del territorio di competenza, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lagonegro (PZ) i due legali rappresentanti di un esercizio pubblico del luogo, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di aver svolto l’attività di raccolta abusiva di scommesse su eventi sportivi in assenza di concessione Ministeriale e di licenza dell’Agenzia delle Dogane del Monopolio di Stato.

In particolare, i militari, con l’ausilio di funzionari di detta Agenzia – Sezione di Potenza, hanno effettuato il controllo del citato centro, ove hanno appurato che sia il locale che la società estera di raccolta scommesse in esso rappresentata, non erano in possesso della prescritta licenza, prevista dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

Altresì, il centro è risultato essere sprovvisto della concessione amministrativa dell’Amministrazione Autonoma del Monopolio di Stato. Per quanto accertato, i Carabinieri hanno eseguito il sequestro preventivo della struttura e delle attrezzature in essa allocate, consistenti in 9 postazioni pc, oltre a stampanti, televisore, server e modem ad esse collegati. Si tratta, in ordine di tempo, dell’ultima operazione condotta dall’Arma potentina nello specifico settore delle scommesse, che si manifesta nelle varie comunità locali attraverso una serie di problematiche correlate e, pertanto, risulta essere molto avvertita.

Difatti, analoghe attività sono state condotte nel giro di poco più di un mese dai Carabinieri delle Stazioni di: Avigliano (PZ), che, a seguito di accertamenti presso una sala scommesse del posto, hanno sequestrato diverse apparecchiature utilizzate per “puntate sportive” con bookmakers maltesi, in assenza delle prescritte autorizzazioni; Lauria, ove, all’interno di un bar, hanno sequestrato 4 “newslot” non collegate alla rete telematica del Monopolio di Stato e 2 erogatori di monete, sprovvisti di elementi identificativi, di nulla osta per la messa in esercizio e di certificati di conformità. Tali illeciti, di natura penale e amministrativa, insieme ad altre infrazioni riscontrate, legate a violazioni in materia di tutela della salute (carenze igienico – sanitarie nel laboratorio cucina), hanno portato i militari procedenti ad avanzare la proposta di chiusura dell’attività, successivamente disposta temporaneamente da parte delle competenti Autorità.

#jamma.tv

foto primo piano di Andrea Ventre di attivazionigratuite.it

Enada Primavera 2019: Il resoconto della 31° edizione con Andrea Ventre (AttivazioniGratuite.it)

Enada Primavera 2019: Il resoconto della 31° edizione con Andrea Ventre (AttivazioniGratuite.it)

Enada Primavera 2019Enada Rimini, nei giorni 12-13-15 marzo ha celebrato la sua ennesima edizione, confermandosi come ogni anno, un appuntamento imperdibile per tutti gli addetti ai lavori del settore giochi. Tantissime le novità e gli appuntamenti in scena nella tre giorni di fiera. Andrea Ventre a seguito dell’evento, coglie l’occasione per ringraziare tutti gli esercenti e curiosi giunti a Rimini per prendere appuntamento con il suo AttivazioniGratuite.it e seguire i suoi consigli su future aperture di punti vendita.

Intervistato Ventre dice – “ENADA Rimini anche quest’anno ha offerto tante interessanti novità, gli elementi comuni che sono emersi visitando i vari stand sono stati l’innovazione tecnologica, la ricerca di soluzioni multiservizi e l’integrazione di nuove possibilità di gioco. Confrontandomi poi con le varie aziende e seguendo diverse conferenze stampe di concessionari e dell’associazione nazionale, ho condiviso la necessità di una nuova regolamentazione di settore oltre che del nuovo bando pubblico per le concessioni, ormai da troppo tempo rimandato: passaggi indispensabili per rilanciare il settore del gioco legale in Italia, attirando così i tanti investitori esteri potenzialmente interessati ad entrare nel nostro mercato e soprattutto dando garanzie e tutela ai circa 300 mila lavoratori del settore e alle loro famiglie. Le istituzioni devono capire che il Gioco Legale è un’enorme risorsa per il nostro Paese, oltre che uno strumento per combattere il gioco illegale e quindi la criminalità e tutti i rischi legati alla ludopatia, tutelando il gioco si tutelano i giocatori, non il contrario. Ma per dar seguito a tali auspici è per prima cosa necessario un cambio di rotta dell’esecutivo e un tavolo di confronto con il governo”. lp/AGIMEG

Metti un Mi Piace
Clicca e scopri la nostra offerta PVR
apri il tuo Punto Scommesse
Inviaci ora un messaggio!
Tasto contatto whatsapp AttivazioniGratuite.it
Blog e News
Commenti recenti
Archivi